polizia icam3d

Art. 208 CdS: Potenziamento attività di controllo e accertamento anche attraverso l’acquisto di attrezzature per i propri Corpi di Polizia

Il servizio di polizia stradale, così come espletato dagli Enti Locali attraverso i propri operatori di polizia locale, assolve a delle funzioni fondamentali in tema di prevenzione e repressione dei comportamenti illeciti da parte degli utenti della strada. Le sanzioni incamerate, quale proventi delle attività di repressione,  fanno incorrere i Comuni nell’obbligo di rendicontazione sulla gestione  della spesa  degli stessi. Questo obbligo è diventato ancora più incisivo con la pubblicazione del Decreto nella G.U. n. 42,   il 20 febbraio 2020   e recante “Disposizioni in materia di destinazione dei proventi delle sanzioni a seguito dell’accertamento delle violazioni dei limiti di velocità”.

Oltre al dovere di dichiarare come vengono spesi i proventi, vi è anche il vincolo di come spenderli nella misura del 50% dell’ammontare complessivo. In altre parole, il 50% dei possibili impegni di spesa, quando si attinge a questi proventi, sono già destinati per legge. Per essere questa volta più incisivo, visto che in passato questo obbligo è stato disatteso dagli amministratori  locali, il legislatore ha previsto un quadro sanzionatorio per il mancato adempimento, con un primo step che parte dalla richiesta all’Ente locale di trasmettere i dati con i chiarimenti sul motivo del ritardo e successivamente, a inerzia rilevata (30 giorni),  per finire alla segnalazione  successiva al Procuratore Regionale della Corte dei Conti.

I proventi delle sanzioni amministrative per violazione del codice della strada sono, quindi, destinabili anche all’acquisto di attrezzature per i Corpi di Polizia.

 

Destinazione ai sensi dell’art. 208, comma 4

Totale in Euro

Interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, di messa a norma e di manutenzione della segnaletica delle strade di proprietà

dell’Ente (art. 208, comma 4, lettera a)

Inserire importo

Potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche attraverso l’acquisto di automezzi, mezzi e attrezzature dei propri Corpi di polizia

(art. 208, comma 4 lettera b)

Inserire importo

Manutenzione delle Strade, installazione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma delle barriere e sistemazione del manto stradale, redazione dei PGTU. Interventi a tutela degli utenti deboli, educazione stradale nelle scuole di ogni ordine e grado, assistenza e previdenza per il personale di cui alle lettere d-bis) ed e) del comma 1, dell’art. 12. Mobilità ciclistica e misure di cui all’art. 208, comma 5-bis) (art. 208, comma 4, lettera c)

Inserire importo

TOTALE

[CALCOLATO]

Con l’obbligo per la Pubblica Amministrazione di procedere anche  ad una Transizione Digitale delle prassi operative, ovvero alla trasformazione dei processi lavorativi in forma digitalizzata, e non semplicemente attuando la dematerializzazione del cartaceo, dovendo nel contempo attuare il virtuosismo della spesa secondo le previsioni legislative e relativa rendicontazione per non incorrere in sanzioni, sarebbe auspicabile che almeno la scelta di spesa sia finalizzata ad un ammodernamento delle prassi operative attraverso l’Innovazione Tecnologica.

Una attrezzatura digitale per la Polizia locale da acquistare con i proventi

La rivoluzione nel campo dell’infortunistica stradale si chiama #iCam3D®,

l’unico sistema altamente innovativo che soppianta totalmente il rilievo manuale dell’incidente stradale. Attraverso l’uso di un tablet rafforzato, utilizzabile in tutte le condizioni atmosferiche anche un solo agente di polizia potrà effettuare il rilievo planimetrico, fotografico tridimensionale senza prendere in campo nessuna misura, né  con il metro né con qualsiasi altro strumento. Basteranno pochi istanti per riprendere la scena per poi estrapolare, in modo semplicissimo, tutte le misure che si vogliono, anche in forma volumetrica senza aver bisogno di supporti accessori o altro applicativo di disegno.

ll modello innovativo, di cui abbiamo già parlato qui, per quanto richieda un impegno iniziale in termini di cambiamento, condurrà quasi nell’immediato ad un risparmio notevole di tempo nell’esecuzione delle attività, consentendo all’amministrazione maggiore tempestività, risparmio anche economico, nell’economia di gestione  delle pratiche e dell’accesso agli atti.

Tutto questo, così applicato al servizio del rilievo degli incidenti stradali, comporterebbe l’erogazione di un servizio con maggior celerità, precisione a fronte di un minor rischio per gli operatori e cittadini.

Certamente la descrizione del sistema può rendere solo un’idea infinitesimale di ciò che è capace di fare iCam3D®. Per questo motivo l’ideale è provare il sistema direttamente. Rimarrai veramente sorpreso! Contattaci scrivendo a info@imoi.eu

 

 

 

Comments are closed.